Ritardato e Mancato pagamento

Dal 1° gennaio 2020 con l’introduzione della delibera n.311 del 16/07/2019 sulla regolazione della morosità nel servizio idrico integrato, approvata dall’ARERA, sono state introdotte regole uguali in tutta Italia nel caso di mancati pagamenti da parte degli utenti del settore idrico. In particolare, sono stati definiti tempi e modalità standard per la costituzione in mora, è stata regolata la rateizzazione degli importi, la sospensione della fornitura e la risoluzione del contratto, salvaguardando le utenze vulnerabili in documentato stato di disagio economico sociale e quelle pubbliche non disalimentabili (come ospedali e scuole). 

Cosa succede in caso di ritardato pagamento

Se il pagamento non è effettuato entro il termine di scadenza della bolletta o delle rate, Geal applicherà sulla bolletta successiva gli interessi di mora, calcolati a partire dal giorno di scadenza del termine per il pagamento, applicando il tasso di riferimento fissato dalla BCE maggiorato del 3,5%.

Per le bollette scadute nel 2019, si applicano le regole previste dall’art.23 del Regolamento di gestione del servizio di distribuzione di acqua potabile del Comune di Lucca, riportate nelle precedenti bollette.

Cosa succede in caso di mancato pagamento:

In caso di mancato pagamento della bolletta, Geal invia invierà un sollecito bonario, dove si invita l’utente a procedere al pagamento dell’importo, presso gli uffici postali oppure con bancomat/carta di credito presso lo sportello Geal aperto al pubblico, attraverso il bollettino allegato al sollecito, entro la data indicata.

Nel caso in cui l’utente abbia già provveduto al pagamento oppure abbia richiesto la rateizzazione ai sensi dell’art.42 dell’allegato A (RQSII) alla Delibera ARERA 655-2015, è invitato ad inviare la relativa documentazione a supporto (documento di attestazione di avvenuto pagamento o richiesta di rateizzazione) attraverso i seguenti canali: 

  • E-Mail: uffutenti@geal-lucca.it
  • Sportello presente sul territorio. 

Nel caso di mancato pagamento del sollecito seguirà la comunicazione di costituzione in mora, in cui si invita a dar corso al pagamento dell’importo, presso gli uffici postali oppure con bancomat/carta di credito presso lo sportello Geal aperto al pubblico entro la data indicata. Il termine è calcolato considerando 25 giorni a partire dalla data di emissione della raccomandata di messa in mora o 15 giorni dalla data di invio della pec.In caso di mancato pagamento dell’importo oggetto della messa in mora, GEAL provvederà ad attivare le azioni del recupero del credito di cui all’ Art. 4 e successivi della Delibera ARERA n.311/2019, che possono comportare anche la limitazione, sospensione o disattivazione della fornitura, senza ulteriori avvisi.

In caso di mancati pagamenti di piani di rateizzazione che prevedono l’impegno del pagamento delle rate, Geal provvederà alla limitazione/sospensione/disattivazione della fornitura senza inviare ulteriori solleciti o comunicazioni di costituzioni in mora.

Per tutte le utenze domestiche residenti prima di attivare la procedura di sospensione, disattivazione è possibile procedere alla limitazione della fornitura laddove tecnicamente fattibile (riduzione del flusso di acqua erogata al punto di consegna nei casi di morosità, garantendo il quantitativo essenziale di acqua).

Per le utenze diverse da quelle domestiche residenti, Geal procederà direttamente alla sospensione e successiva disattivazione della fornitura.

Geal addebita all’utente i costi sostenuti per la spedizione del sollecito bonario e della comunicazione di costituzione in mora, nonché in caso di limitazione o sospensione/disattivazione i costi sostenuti per l’intervento e per il ripristino della fornitura.


Indennizzi automatici:

Di seguito si elencano i casi per cui Geal è tenuta ad erogare un indennizzo automatico nel rispetto di quanto indicato nell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019: 

Descrizione indennizzo  Importo 
Indennizzo per erronea sospensione o disattivazione di utente finale non disalimentabile  € 30,00 

 

Indennizzo per erronea disattivazione di un utente domestico residente, fatto salvo quanto previsto al comma 7.5 dell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019  € 30,00 

 

Indennizzo per mancato invio della costituzione in mora prima dell’intervento di limitazione, sospensione o disattivazione della fornitura  € 30,00 

 

Indennizzo per erronea limitazione, sospensione o disattivazione nonostante l’utente finale abbia provveduto a comunicare l’avvenuto pagamento nei tempi e con le modalità di cui all’Articolo 6 dell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019  € 30,00 

 

Indennizzo per limitazione, sospensione o disattivazione se: ·  

  • la stessa è avvenuta in anticipo rispetto alla costituzione in mora; · 
  • l’utente ha chiesto la rateizzazione, con le modalità previste all’articolo 5       dell’allegato A alla Delibera ARERA 311/2019; · 
  • le costituzioni in mora non sono state consegnate al vettore entro 5 giorni dalla loro emissione; ·  
  • non è stato inviato il sollecito bonario di pagamento. 
€ 10,00